Dicono di Noi

RASSEGNA STAMPA [PRESS]

Genitori proteggano ragazzi da cyberbullismo

ADN KRONOS pubblica un'intervista a Andrea Massa, responsabile del Progetto MASSERE - Sicurezza dei Minori sul Web, l'articolo viene poi ripreso anche da altri giornali/siti.

Andrea Massa - Responsabile Progetto MASSERE"I genitori proteggano ragazzi dal cyberbullismo". Lo dice, in un'intervista a Labitalia, Andrea Massa, responsabile di 'Progetto Massere-Sicurezza dei minori sul web',

organizzazione di Seveso, nell’hinterland milanese, che appronta corsi di formazione sui pericoli del web per alunni, genitori e insegnanti nelle scuole, in collaborazione con l’Internet Service Provider ULI - Utility line Italia.
"Lo scorso giugno -ricorda- è stata pubblicata la legge del 29 maggio 2017 numero 71 recante 'Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo'. Abbiamo finalmente la legge, ma bisogna andare in profondità per capire meglio il fenomeno e tutti quei pericoli a esso correlati".

"Secondo una ricerca -chiarisce- da noi condotta dal 2010 ad oggi su un campione di 2.300 tra ragazze e ragazzi tra i 10 e i 15 anni di età nelle scuole medie e superiori di alcuni Comuni in Provincia di Monza e della Brianza, la maggioranza dei ragazzi riceve il loro primo cellulare tra i 10 e i 12 anni (lo smartphone è diventato il classico regalo della Prima Comunione mentre fino a qualche anno fa lo era della Cresima). Una tendenza in crescita".

"I ragazzi -ammette- sono sempre più connessi. Lo erano l’8% nel 2010, il 67% nel 2013, il 98% degli intervistati nel 2016 afferma di disporre di connessione 24 ore su 24. Predomina ed è in crescita l’utilizzo dello smartphone utilizzato dal 2% nel 2010, dal 42% nel 2013, dal 62% degli intervistati nel 2016 al 76% del 2017".

"Tendenza inversa -spiega- a quella di pc-notebook, impiegato dal 93% nel 2010, dal 43% nel 2013, dal 19% nel 2016 e dal 12% nel 2017. La maggior parte degli accessi a Internet passa da smartphone (i ragazzi affermano per comodità, privacy, multifunzionalità), quasi nessuno utilizza il pc, ma lo sostituisce con device di nuova generazione come console e tv multimediali".

"Lo smartphone -avverte- è diventato il miglior amico, rimane sempre acceso, anche di notte, appoggiato sul comodino per rispondere alle notifiche social".

"I social più diffusi -ricorda Andrea Massa- rimangono WhatsApp, Instagram e Facebook. La diffusione di 3G/4G e il miglioramento delle ottiche di fotografia sugli smartphone hanno portato al sorpasso di Instagram nei confronti di Facebook. WhatsApp è il canale di comunicazione più usato dai ragazzi. Tra i social più in relazione al cyberbullismo c’è Ask.fm, nato nel 2010 e basato sul meccanismo della domanda-risposta dove è possibile rimanere anonimi. L’anonimato è l’habitat perfetto per far cresce gli haters".

"I ragazzi -sottolinea- affermano di non sentire loro le regole, mentre il 90% dei genitori afferma di darle con puntualità. Un ragazzo su due sostiene di avere imparato a usare Internet da solo, anche se negli ultimi anni, grazie a una lieve diminuzione del gap digitale, i genitori sono il riferimento per il 25% degli intervistati".

"In base alle nostre previsioni -continua- nei prossimi anni la consuetudine diffusa, l’educazione e la consapevolezza con lo strumento Internet a tutti i livelli della società, determineranno una sempre maggiore richiesta di garanzie e tutela della privacy in particolare da parte dei giovani stessi".

"Abbiamo riscontrato -sostiene- casi di cyberbullismo, sexting e selfie estremi, proprio per questo motivo ho deciso negli anni di ampliare lo staff del 'Progetto Massere' includendo due psicologhe cliniche: Stefania Sedini e Nicole Ventura e un esperto legale: Matteo Meroni. Alcuni genitori segnalano episodi di vamping e nomofobia, ossia la paura di rimanere disconnessi. Noi consigliamo di approfondire, conoscere il mondo di Internet e capire come i ragazzi vivono la propria crescita e identità passando attraverso le dinamiche dei social".

"E' importante -avverte- che i genitori abbiano gli strumenti per osservare e chiedere ai figli che cosa fanno. Devono anche a volte saper dire di no".

Porre delle regole "per esempio impedire il vamping, il fenomeno per cui i ragazzi tengono il cellulare acceso a fianco del letto quando vanno a dormire. Vigilare sui cambiamenti di umore o chiusure che possono essere segnali di cyberbullismo o sexting, ossia adescamento di tipo sessuale".

"Internet rimane comunque un’opportunità -afferma Andrea Massa- è uno strumento di progresso, ma è necessario un uso consapevole, atteggiamento difficile per un adolescente. Oggi la dipendenza da smartphone e Internet (Internet addiction disorder) è una patologia classificata al pari di alcolismo e tossicodipendenza".

"I dati delle procure -osserva- indicano che i minori sono i principali protagonisti di reati online, sia come vittime che come autori spesso inconsapevoli: detenzione e diffusione di materiale pedopornografico, ma anche stalking, diffamazione, ingiurie e minacce".

"Al fine di aiutare -suggerisce- genitori, docenti e gli stessi alunni abbiamo realizzato un sito web www.massere.it, una pagina Facebook: www.facebook.com/sicurezzaminorisuinternet e un profilo Instagram: @sicurezzasulweb".

FONTE ORIGINALE: ADN KRONOS (leggi tutto)

ALTRE PUBBLICAZIONI:

Alcuni Feedback

PROF.SSA LAURA
È stato un piacere assistere ad un incontro condotto da giovani competenti che ci hanno illustrato dal punto di vista tecnologico, psicologico e legislativo le potenzialità ma anche i pericoli delle nuove tecnologie, sottolineando l'importanza del ruolo educativo di genitori e docenti informati e consapevoli.


RUGGERO
(20 anni) - EDUCATORE

Il progetto è davvero utile! Tanto i figli quanto i genitori non si rendono conto che internet nasconde pericoli ovunque. Personalmente mi sento molto fortunato a aver partecipato a questo incontro e da allora sono più attento di ciò che "condivido" in internet della mia via vita!


RAFFAELLA
(39 anni) - GENITORE

Dopo l'incontro serale ho deciso di aprire un account facebook con mia figlia non ancora 13enne e di "imparare" insieme ad utilizzarlo abolendo di fatto i filtri parental-control


DAVIDE
(13 anni) - STUDENTE

La chiacchierata fatta a scuola mi ha fatto pensare su come utilizzo internet, soprattutto ai miei 1200 amici di facebook.

25 Maggio 2020
18 Maggio 2020
11 Maggio 2020
29 Aprile 2020
27 Aprile 2020