INCONTRI ALUNNI / GENITORI / EDUCATORI

Primaria e Secondaria Lentate sul Seveso

Il Progetto Massere – Sicurezza Minorisul Web nelle scuole di Lentate sul Seveso.

Le classi quinte della scuola primaria e le classi prime e seconde della scuola  secondaria di primo grado dell’istituto Comprensivo 'E. Toti' di Lentate sul Seveso hanno ospitato il PROGETTO MASSERE – Sicurezza Minori sul Web con un ciclo di interventi formativi dal titolo “Essere un nativo digitale”.

Le giornate di formazione si sono svolte dal 9 al 17 febbraio, in prossimità della giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo.

Durante gli incontri, lo staff del Progetto Massere (l’informatico dott. Andrea Massa, le psicologhe dott.sse Stefania Sedini e Nicole Ventura e il legale dott. Matteo Meroni) partendo da un apposito sondaggio compilato dagli alunni dell’Istituto E. Toti prima degli interventi ha parlato di diversi temi, tra cui: cyberbullismo, perdità del senso della realtà, adescamenti, gaming e (con i più grandi) sexting.
Anche in base alle risposte dei sondaggi, è stato dato spazio alle mode più diffusi tra i ragazzi, tra cui i social più utilizzati (come, ad esempio, TikTok e Instagram) e le abitudine più frequenti (l’utilizzo di youtube, WhatsApp etc).

Gli interventi si sono svolti con una chiacchierata informale (infatti, è stato molto apprezzato dagli alunni lo spazio lasciato per interventi e condivisioni) attraverso la quale il Team Massere ha aiutato i partecipanti ad individuare gli aspetti più pericolosi che una navigazione su internet poco consapevole può incontrare.

Internet è uno strumento importantissimo e lo scopo di questi non è scoraggiare i ragazzi all’utilizzo; al contrario, si tratta di provocare le domande giuste e di porre le migliori attenzioni per vivere al meglio questo prezioso strumento digitale che, soprattutto in questo periodo di distanza sociale, assume grande importanza per la vita di ciascuno.

Gli incontri hanno avuto esito positivo (infatti, è il secondo anno conseguivo che il Progetto Massere è ospite dell’istituto  Comprensivo 'E. Toti') e gli alunni sono stati entusiasti di parlare a scuola degli strumenti che utilizzano e appassionano la  loro quotidianità.

Anche gli insegnanti sono rimasti molto soddisfatti degli incontri.

“Un progetto accolto da tutti gli alunni con entusiasmo e interesse. Hanno partecipato attivamente con domande e curiosità, dimostrando quanto siano coinvolti nel mondo tecnologico e in tutto ciò che ne comporta. Data l’importanza del tema servirebbero più ore per parlarne, ma sono stati momenti sicuramente ricche di spunti su cui  poter lavorare e riflettere anche in futuro” dice un docente di scuola primaria; un collega aggiunge “il progetto Massere è risultato valido e ci ha permesso di scoprire aspetti dei nostri alunni a noi sconosciuti, rispetto all’uso di app e videogiochi. Come lo è stato per noi insegnati, sarebbe utile un incontro rivolto ai genitori”.

Numerosi feedback postivi anche da parte dei professori della Scuola secondaria che hanno manifestato grandi apprezzamenti rispetto agli incontri svolti.

“Il progetto  Massere è stata un’occasione importante per aprire un confronto su rischi e opportunità del mondo digitale - spiega il prof. Roberto Ferrara “Paradossalmente i ragazzi “nativi digitali” non sono sempre pienamente consapevoli delle insidie legate al web. Anzi, proprio perché considerano questo ambiente un luogo naturale in cui crescere e fare esperienze, possono più facilmente esporsi  a rischi e pericoli imprevisti. Incontri come quelli del Progetto Massere rappresentano quindi momenti fondamentali per la formazione digitale dei ragazzi, uno dei traguardi verso cui è orientata la scuola di oggi”.

Come Contattarci?


Vuoi metterti in CONTATTO con Noi? E' semplicissimo!

Compila il seguente modulo inserendo la richiesta ed un eventuale numero di telefono oppure scrivi una email a: sicurezzaminori@massere.itsarai ricontattato al più presto dal nostro Staff.

Alcuni Feedback

PROF.SSA LAURA
È stato un piacere assistere ad un incontro condotto da giovani competenti che ci hanno illustrato dal punto di vista tecnologico, psicologico e legislativo le potenzialità ma anche i pericoli delle nuove tecnologie, sottolineando l'importanza del ruolo educativo di genitori e docenti informati e consapevoli.


RUGGERO
(20 anni) - EDUCATORE

Il progetto è davvero utile! Tanto i figli quanto i genitori non si rendono conto che internet nasconde pericoli ovunque. Personalmente mi sento molto fortunato a aver partecipato a questo incontro e da allora sono più attento di ciò che "condivido" in internet della mia via vita!


RAFFAELLA
(39 anni) - GENITORE

Dopo l'incontro serale ho deciso di aprire un account facebook con mia figlia non ancora 13enne e di "imparare" insieme ad utilizzarlo abolendo di fatto i filtri parental-control


DAVIDE
(13 anni) - STUDENTE

La chiacchierata fatta a scuola mi ha fatto pensare su come utilizzo internet, soprattutto ai miei 1200 amici di facebook.