ARTICOLI / NEWS

Bulli su Facebook.DENUNCIATI [Il Giornale di Vicenza]

Tre studenti vicentini di 16 anni hanno messo in atto una “cyberaggressione” a due ragazzine di 14.
Hanno usato nomi e immagini delle giovani per file pornografici Hanno ammesso: «Una vendetta perché loro non ci guardavano»

Le avevano prese di mira per la loro bellezza. Le due ragazzine di 14 anni che prendevano il bus con loro davano poca confidenza e chiacchieravano fitto fitto, senza degnarli di uno sguardo. Per questo avevano deciso di vendicarsi, scegliendo di utilizzare la rete. È l'ipotesi della polizia, che ha denunciato alla procura per i minorenni tre studenti vicentini, colpevoli di aver utilizzato foto di due ragazze veronesi e di averle molestate e minacciate attraverso facebook. I fatti contestati risalgono all'ottobre scorso, ma gli inquirenti hanno impiegato qualche tempo per riuscire ad identificare i tre giovani, anche perchè utilizzavano un computer dell'ufficio dove lavora il fratello maggiore di uno di loro. In base a quanto è emerso nel corso dell'indagine, i tre studenti - tutti di 16 anni - avevano deciso di rovinare l'immagine virtuale delle due quattordicenni. Erano entrati nel loro profilo di Facebook, ed avevano postato delle immagini hard. Avevano quindi utilizzato le fotografie delle due studentesse per dei fotomontaggi, applicando i loro visi sopra quelli di celebri pornodive, e modificato i titoli di video o film con i loro nomi e cognomi. Avevano postato su siti di annunci i loro dati, diffuso i loro indirizzi e-mail. Le due studentesse hanno compreso in fretta che qualcosa non tornava e che non conoscevano tutta quella gente che scriveva loro. Quando altri amici le hanno avvisate che i loro nomi comparivano in siti non proprio raccomandabili si sono spaventate. Ne hanno parlato con i genitori ed hanno compreso di essere vittime di una «cyberaggressione» da parte di «cyberbulli». Si sono rivolte alla polizia e, accompagnate dai genitori, hanno denunciato gli episodi. Nel frattempo hanno continuato a ricevere messaggi di offese, insulti e anche minacce («posto su internet le tue foto nuda») ai loro indirizzi. Le indagini, come detto, hanno impegnato gli agenti per alcune settimane. I poliziotti hanno scoperto che per le indebite intromissioni su Facebook e molti post era stato utilizzato un computer collegato ad un indirizzo ip aziendale. Pertanto hanno dovuto comprendere chi usasse quel pc, accertando che si trattava di un computer su cui aveva anche possibilità di navigare il fratello minore del dipendente. Da lui gli inquirenti sono arrivati agli altri due vicentini. Tutti e tre hanno ammesso, anche davanti ai genitori, ed hanno spiegato che per loro era una scherzosa vendetta per quelle due ragazzine altezzose. Alle quali, però, hanno rovinato la vita. E dovranno pagarne le conseguenze.

[Fonte: Il Giornale di Vicenza 19-02-2012]

25 Maggio 2020
18 Maggio 2020
11 Maggio 2020
29 Aprile 2020
27 Aprile 2020