ARTICOLI / NEWS

Costringe 14enne a inviargli foto porno Lei rifiuta, iniziano le minacce. Arrestato

Ennesimo episodio di SEXTING: l'uomo, 48enne di Bono (Sassari) ricattava la vittima: mms porno in cambio di ricariche al cellulare.
Era già stato detenuto due anni in Svizzera per violenza sessuale

SASSARI - Costringeva una studentessa di 14 anni di Monselice, in provincia di Padova, a inviargli dal proprio cellulare mms che la ritraevano in atteggiamenti pornografici in cambio di ricariche telefoniche. Uno squallido gioco andato avanti per alcuni mesi fino a quando la giovane si è rifiutata di proseguire.

Per tutta risposta Gian Paolo Satta, operaio di 48 anni di Bono (Sassari), ha iniziato a ricattarla, minacciando di trasmettere le foto in suo possesso ad altri studenti, cosa che poi si è verificata dopo il netto rifiuto opposto dalla minorenne. L'epilogo ieri mattina quando i Carabinieri di Bono hanno arrestato l'uomo in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Padova. I reati contestati sono pornografia minorile e tentata estorsione, continuati ed aggravati. I fatti, interamente avvenuti in provincia di Padova, si riferiscono al periodo tra il gennaio e il marzo del 2008. Dall'ottobre 2010 ai primi giorni di questo mese, Gian Paolo Satta è stato detenuto in un carcere svizzero per espiare una pena per una violenza sessuale compiuta nel territorio elvetico. L'uomo è ora rinchiuso nel carcere di Nuoro.

FONTE: Corriere della Sera del 10 Luglio 2012

25 Maggio 2020
18 Maggio 2020
11 Maggio 2020
29 Aprile 2020
27 Aprile 2020