News

RACCOLTA ARTICOLI PRINCIPALI QUOTIDIANI

Studentesse a processo per insulti al Prof. su Facebook

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Duecentocinquanta euro. E’ la cifra che separa una studentessa novarese, accusata di aver detto «stronzo» a un professore su Facebook, dal ritiro della querela da parte dell’ex insegnante. 

Per molti potrebbe sembrare una cifra irrisoria, ma per lei non è così: «Lui vuole 500 euro. Io, però, lavoro part time e non posso permettermi una somma così alta, quasi pari a uno stipendio mensile. Sono disposta a pagare la metà, 250 euro». 

Una trattativa non facile, dunque. L’altro ieri, all’udienza del processo che vede Sara S. imputata di diffamazione aggravata assieme alla compagna Gaia R., il giudice ha concesso un altro rinvio per vedere se nel giro di qualche settimana le parti in causa possano trovare un accordo che soddisfi tutti.  

Intanto il professore ha ritirato la costituzione di parte civile: se entro gennaio non verrà risarcito con mille euro (500 per ognuna delle ex allieve) intraprenderà le vie civili per ottenere un risarcimento del danno, mentre il processo penale farà il suo corso. Se invece le due ragazze pagheranno quanto chiesto, la vicenda sarà chiusa. Lui ritirerà la querela.  

Studentesse a processo per insulti su FacebookE’ bastata una sola parola, scritta su uno dei social network più utilizzato fra i giovani, a far rischiare alle studentesse oggi ventenni una condanna da 6 mesi a 3 anni di reclusione o, in alternativa, la multa non inferiore a 516 euro.  

Tanto è previsto per la diffamazione su Facebook, che la giurisprudenza considera aggravata ed equiparabile a quella «a mezzo stampa» vista la diffusione incontrollata dei messaggi che compaiono in rete.  

All’epoca dei fatti, tre anni fa, le imputate frequentavano il liceo artistico di Novara. Era stato creato in Facebook un «gruppo» degli allievi con lo scopo, in genere proprio dei social network, di ritrovare vecchi amici, mantenere i contatti.  

Un giorno uno aveva lanciato invitando gli ex compagni a indicare chi fosse il professore più odiato. Era risultato il sessantenne che oggi le accusa. L’avevano definito «stronzo». L’interessato aveva fatto partire l’esposto in Procura.

FONTE: LA STAMPA (Leggi l'articolo completo qui.)

25 Maggio 2020
18 Maggio 2020
11 Maggio 2020
29 Aprile 2020
27 Aprile 2020