ARTICOLI / NEWS

Adesca minorenni su faebook per provini, le filma e le ricatta [Notiziando.tv]

Si spacciava per un intermediario di una società di moda e presentandosi con un falso profilo su Social Network FACEBOOK, contattava minorenni proponendo loro la possibilità di sostenere dei provini di selezione attraverso il web, per partecipare ad una sfilata di moda che si sarebbe tenuta a Caserta.

Così il 22enne di Mondragone, I.A., invitava le minori, una volta accettato, a connettersi su Messenger ove sarebbero state contattate da una sedicente dottoressa Minervini, titolare di una casa di moda che avrebbe, attraverso sofisticatissimi macchinari di ultima generazione, sottoposto prima ad una visita medica poi al provino vero e proprio le minori aderenti al “casting”. Una volta su messenger, le minori si sottoponevano al pseudo esame ed invitate a liberarsi degli abiti qualora sul proprio schermo, comparivano dei numeri, che stavano a significare che la macchina era impossibilitata all’esame clinico perché impedita dai vestiti. Ogni vestito che veniva tolto, scompariva un numero fino a quando la minore non restava a seno nudo e solo allora la pseudo macchina cominciava ad esaminare il corpo alla ricerca di imperfezioni. In realtà “lo spogliarello” veniva registrato attraverso la webcam dall’uomo che salvava i file su un cd, per poi ricattare la vittima.
Infatti l’attività del malfattore non si limitava solo a filmare le ragazze, ma successivamente, ricontattatele su Facebook con un altro falso contatto, chiedeva alle minori un incontro privata per la restituzione dei filmati, con la minaccia, in caso negativo di pubblicare il video sul web.
Nel corso di alcuni incontri con l’uomo, le minori, in cambio del supporto con il video, sono state costrette ad avere rapporti sessuali con lui. Solo grazie alle denuncie presentate da alcune minorenni presso la Sezione Polizia Postale di Caserta, accompagnate dai propri genitori che in alcuni casi si sono sostituiti alle figlie nel corso della chat, la Squadra di P.G., coordinata dal Comandante della Sezione, Ispettore Superiore Carmine COLAPS, dopo accurate indagini, addivenivano alla completa identificazione dell’autore dei fatti, con conseguente sequestro del suo p.c. per le analisi di rito, deferendolo all’Autorità Giudiziaria.

Ulteriori indagini sono in corso per verificare se oltre alle denuncianti, altre minori sono rimaste vittime del sedicente intermediario.


Fonte: Notiziando.tv Giovedì 19 Gennaio 2012 15:33
25 Maggio 2020
18 Maggio 2020
11 Maggio 2020
29 Aprile 2020
27 Aprile 2020