News

RACCOLTA ARTICOLI PRINCIPALI QUOTIDIANI

Lo Smartphone può provocare problemi alla postura e alla vista?

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Rispondiamo oggi ad Alessia, una mamma che ha seguito un nostro incontro nella scuola si suo figlio; Alessia ci chiede se l'utilizzo eccessivo da parte dei nostri figli di smartphone possa provocare danni fisici alla schiena e alla vista.
Degli aspetti psicologici come dipendenza e I.A.D. ne abbiamo parlato altre volte, oggi ci soffermiamo più sulle problematiche fisiche.

Beh, cominciamo a dire che chi più, chi meno siamo tutti dipendenti da Smartphone, provate a guardarvi in giro su un treno, in una stazione, in un parco, in metro e diteci: Quante persone hanno il naso appiccicato allo schermo di un telefono?
Questa tendenza del controllare notifiche e utilizzare in maniera quasi ossessiva lo smartphone può provocare dei distubi fisici, soprattutto nella fascia dei ragazzi in via di sviluppo (mal di schiena, mal di testa unito al dolore al collo e alle spalle).

Iniziamo da SCHIENA e POSTURA, ci sono molti studi sulla correlazione tra postura e cellulari.

QUALCHE SUGGERIMENTO:

La cosa principale è prendere consapevolezza dei rischi, e quindi smartphone e Tablet in modo adeguato. La sindrome Text Neck: ovvero una condizione non fisiologica del rachide cervicale che viene sottoposto ad un sovraccarico eccessivo e ad uno stress ripetuto [Es. la postura del collo mentre usiamo uno smartphone].
La testa di un adulto pesa oltre 5 chilogrammi, ma inclinandola verso il basso il “peso percepito” dal collo aumenterà notevolemente, evitiamo quindi di inchinarci troppo mentre siamo al telefono, risulta molto importante quindi guardare il display del proprio smartphone senza inclinare la testa, mantenendola dritta, e senza piegare il collo.
Il Tablet è consigliabile utilizzarlo appoggiandosi ad un tavolo e non sulle gambe per evitare che si generi un’iperflessione del collo.
Ricordatevi sempre che per ogni 15 minuti. di utilizzo dovreste fermarvi 2-3 minuti.


Il secondo aspetto fisico da tenere in considerazione è la VISTA, durante i nostri sondaggi, quasi l'80% degli alunni ci conferma di andare a letto con lo smartphone e di passare mediamente 2-3 ore al buio chattando, giocando o guardando video danto vita alla pericolosa tendenza di cui abbiamo già parlato in altri articoli: il VAMPING.
E' molto importante far capire ai propri ragazzi che la luce emanata da smartphone e tablet non solo è causa di insonnia e malessere, ma può anche danneggiare la vista.
L'occhio è predisposto per difendersi dagli effetti dannosi della luce: la pupilla si restringe, le palpebre si socchiudono, lo squardo si distoglie automaticamente per evitare che la luce entri troppo intensamente nella retina, provocandone il danneggiamento, un'esposizione a lungo può compromettere queste difese naturali e peggiorare gli effetti.
Inoltre tutte le persone, soprattutto i ragazzi, hanno bisogno di dormire e andare a letto con il cellulare non aiuta!


Negli ultimi mesi aumentano i casi della nuova sindrome del 'pollice da smartphone', ossia dei dolori alla base del pollice causati dall'uso continuo del dito sullo smartphone.
Gli studiosi iniziano a farci notare che il modo in cui utilizziamo le nostre dita con lo smartphone non è naturale, e che, a lungo andare, potrebbero esserci delle conseguenze negative.
L’allarme è soprattutto per i bambini, che ormai iniziano ad utilizzare dispositivi elettronici già prima di andare all'asilo.

ALCUNI ARTICOLI SUL TEMA:

[La Repubblica] - "Via smartphone e tablet dalle mani dei bambini. Rischiano la sindrome da occhio secco"

[Focus] - Niente smartphone dopo le 21.00: risucchiano energie

[OK SALUTE] - Adolescenti: dormono poco per colpa dello smartphone e rischiano la salute

[FANPAGE.IT] - Tablet e smartphone, così i device vi rovinano la postura e l’umore

[OK SALUTE] - Hai la sindrome del “pollice da smartphone”? E' una forma di tendinite causata dai troppi messaggini digitati sul touchscreen: ecco come prevenirla

 

Andrea MassaAutore:
Andrea Massa
Resp. INFORMATICO - Progetto MASSERE