News

RACCOLTA ARTICOLI PRINCIPALI QUOTIDIANI

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Durante in nostri incontri nelle scuole, sempre più docenti lamentano il fatto che gli alunni, pur essendo vietato, portano lo smartphone in classe e lo utilizzano di nascosto.


Biella, giro di vite sullo smartphone in classe: "lavori forzati" per gli studenti trasgressori.
Al posto del telefonino, confiscato, i ragazzi dell'istituto tecnico si vedono consegnare scopa e straccio con l'obbligo di pulire aule e corridoi. Già fioccate le prime punizioni. Il preside: "Famiglie d'accordo"
Il nuovo regolamento scolastico, in vigore da una decina di giorni, ha già prodotti i suoi effetti: se prima i cellulari venivano requisiti in attesa della loro riconsegna ai genitori, adesso c’è un inasprimento del provvedimento.

Ill preside Gianluca Spagnolo, intervistato, afferma: “Li armiamo di scopa e paletta, oppure di strofinaccio, e li facciamo lavorare. I genitori? Abbiamo trovato piena condivisione da parte della famiglie e ci fa piacere. D’altronde il nostro obiettivo è insegnare ai ragazzi a limitare l’utilizzo di uno strumento che può essere utile quanto deleterio per l’allievo stesso. Molti di loro non capiscono che si può anche fare a meno del cellulare. Eppure fino agli anni Novanta era così”.

Fonte: 12-04-2018 Repubblica.it [Leggi articolo completo]


Norme sull’utilizzo del telefono cellulare e dei vari dispositivi elettronici durante le attività scolastiche:

  • É vietato utilizzare il telefono cellulare e gli altri dispositivi elettronici e di intrattenimento (lettore mp3, tablet, notebook, fotocamera, videocamera) durante le attività didattiche, se non espressamente richiesto dal docente.
  • I predetti dispositivi devono essere tenuti spenti e opportunamente depositati negli zaini e/o nei giacconi.
  • Eventuali esigenze di comunicazione tra gli alunni e le famiglie, in caso di urgenza, saranno soddisfatte mediante gli apparecchi telefonici presenti negli uffici della scuola; in alternativa il docente potrà concedere l’autorizzazione all’uso del cellulare, previa richiesta da parte dello studente.
  • Nel caso in cui lo studente sia sorpreso palesemente a copiare dal cellulare o da qualsiasi altro dispositivo durante le verifiche scritte, le stesse saranno ritirate e non classificate; la prova di recupero dovrà essere effettuata nel periodo finale dell’anno scolastico. Nel caso in cui lo studente sia sorpreso durante una prova di recupero, la stessa sarà annullata e si manterrà la valutazione precedentemente ottenuta. A tale proposito si ricorda che non è consentito indossare smartwatch durante lo svolgimento delle prove scritte.
  • All’interno di tutti i locali della scuola, nelle sedi utilizzate per l’attività didattica come palestre, aule e laboratori sono vietate riprese audio e video di ambienti e persone, salvo in caso di esplicita autorizzazione del docente responsabile. Eventuali fotografie o riprese effettuate all’interno della scuola e nelle sue pertinenze, senza il consenso della/e persona/e, si configurano come violazione della privacy e quindi perseguibili per legge oltre ad essere sanzionate con il presente regolamento.
  • È diritto dello studente con disturbo specifico dell’apprendimento o con bisogni educativi speciali far uso di apparecchi di registrazione o di dispositivi elettronici quando previsti quali strumenti compensativi e concordati con l’insegnante.

Sanzioni disciplinari

1) Utilizzo del cellulare durante l’attività didattica

a) Primo richiamo:

  • ritiro immediato del cellulare che sarà portato in vicepresidenza dal docente, custodito in cassaforte e riconsegnato direttamente alla famiglia o persona autorizzata;
  • nota sul registro di classe.

b) Uso reiterato:

  • sospensione dalle lezioni di uno o più giorni a seconda della gravità;
  • convocazione della famiglia per concordare azioni educative adeguate;

Il Consiglio di classe delibera l’adozione dei provvedimenti disciplinari, modulandone la sanzione.  

2) Uso del cellulare (o di altro dispositivo) in modo improprio o dannoso per gli alunni, i docenti, gli operatori scolastici e per l’immagine dell’Istituzione Scolastica

  • sospensione dalle lezioni di uno o più giorni a seconda della gravità;
  • convocazione della famiglia per concordare azioni educative adeguate;
  • eventuale istanza di ammonimento al Questore (Legge 29 maggio 2017 n° 71, art. 7);
  • valutazione anche non sufficiente del voto di condotta (Regolamento per l’attribuzione voto in condotta)

Il Dirigente scolastico e il Consiglio di classe hanno la possibilità di sostituire le sanzioni disciplinari con altri provvedimenti, comprendenti la collaborazione ai servizi interni della scuola o ad altre attività a scopo sociale che possano utilmente costituire una riparazione e un ammonimento.


ARTICOLI CORRELATI DI OGGI 12-04-2018

  • La Tecnica della Scuola: Scopa e straccio per chi è beccato a usare lo smartphone in classe [Leggi articolo completo]
  • Corriere della Sera: Biella, usi il telefonino in classe? La punizione è pulire la scuola e svuotare i cestini [Leggi articolo completo]
  • La Stampa: Scuola, all’Iti scattano i “lavori forzati” per chi usa lo smartphone in classe [Leggi articolo completo]

 


Andrea MassaAutore:
Andrea Massa
Resp. INFORMATICO - Progetto MASSERE

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il PHISHING è un tentativo di truffa informatica, realizzato attraverso la posta elettronica, ha come scopo principale il furto di informazioni e dati personali degli utenti.
Il termine phishing è una variante di fishing (letteralmente "pescare" in lingua inglese) e allude all'uso di tecniche sempre più sofisticate per "pescare" dati finanziari e password di un utente.

Chi non ha mai ricevuto una email dalla banca o dalle Poste Italiane (qui di seguito alcuni esempi).

COME RICONOSCERE LE MAIL:
Ricordiamo che nella maggior parte dei casi le email fraudolente sono riconoscibili in quanto presentano le seguenti caratteristiche:

  • Non contengono il nome ed il cognome del destinatario (il truffatore in realtà invia il messaggio ad un numero molto elevato di indirizzi email, facendo spamming).
  • Invitano a visitare siti con indirizzi diversi da quello del sito web ufficiale dell’ente simulato.

COME DIFENDERSI:
Non esistono ad oggi strumenti anti-phishing assolutamente infallibili, la miglior difesa contro questa forma di truffa informatica è basata quasi completamente sul buon senso.

COME SEGNALARE:
Anche la Polizia Postale ha aperto una SEZIONE dettagliata sul proprio sito (LINK), dove è possibile segnalare e denunciare casi di truffa online.
La stessa Google ha messo a punto un sistema di sicurezza (Google Safe Browsing) che prova ad eliminare il phishing direttamente dalle radici andando ad analizzare le pagine web (contenenti programmi o script potenzialmente pericolosi): ogni URL infetto viene quindi registrato nel database di Google, inserito in una blacklist e rimarrà virtualmente inaccessibile agli internauti.

 


Andrea MassaAutore:
Andrea Massa
Resp. INFORMATICO - Progetto MASSERE

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Progetto MASSERE - WhatsApp a pagamento BUFALA

In queste ultime settimane ho ricevuto diversi messaggi di genitori che chiedevano informazioni in merito al passaggio da gratuito a pagamento dell'APP WhatsApp.
Naturalmente si tratta di BUFALA e a cascarci sono spesso proprio i genitori (immigrati digitali), come successo più volte in passato ciclicamente rispunta questa catena di S.Antonio dove a cascarci sono milioni di italiani.

CONSIGLI:
Quando si riceve un messaggio del genere, prima di condividerlo con i propri amici aumentando la diffusione è sempre bene verificare l’autenticità.
Nessuna comunicazione Ufficiale è stata rilasciata dal Blog di WhatsApp dove vengono presentate tutte le novità e relative funzioni.
WhatsApp è l'App più installata e conta oltre un miliardo di utenti attivi, dai nostri sondaggi nelle scuole ad alunni e genitori si nota come ben il 98% delle persone possessori di uno smartphone connesso ad internet ha WhatsApp installato.

ARTICOLI CORRELATI:

COSA SI RISCHIA?
In questo cano nulla, è la classica catena di S. Antonio che ci tartassa da olter 15 anni con i primi SMS, ma in passato questi messaggi rimandavano a un sito malevolo che installa estensioni del browser e attiva servizi a pagamento.
Ricordiamo che le nuove funzioni/aggiornamenti passano sempre tramite i negozi ufficiali dell'app (Apple Store per iOS e Google Play Store per Android).

INTERESSANTI ARTICOLI SULLE TRUFFE CON WHATSAPP:

  • La Repubblica: WhatsApp, l'esca del nuovo look: occhio alla truffa dei colori [Leggi articolo completo]
  • ADN Kronos: "iPhone 7 in regalo", l’ultima truffa su WhatsApp [Leggi articolo completo]
  • Leggo: Falsi buoni di Decathlon, il ritorno su WhatsApp in vista del Natale. Il link non porta direttamente al sito di Decathlon, che non ha niente a che vedere con la vicenda, bensì ad un altro sito che potrebbe infettare i vostri dispositivi o 'rubare' i vostri dati. [Leggi articolo completo]

 


Andrea Massa - Progetto Massere - @massere82Autore:
Andrea Massa
Resp. INFORMATICO - Progetto MASSERE

 

Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva

Scriviamo questo articolo in base agli ultimi nostri incontri con gli alunni e alcune risposte ai relativi sondaggi, sempre più ragazzi ammettono di essere affascinati dal "Deep Web" e a volte confermano di essere in grado di accedervi. Iniziamo a cercare di capire di cosa stiamo parlando.

Il Deep Web (web sommerso) è l'insieme delle risorse informative non indicizzate dai normali motori di ricerca in quanto le pagine che spider web e crawler dei motori di ricerca sono in grado di indicizzare sono meno di un decimo di quelle effettivamente esistenti.
Occorre fare attenzione a non confondersi con il dark web, il dark web è un sottoinsieme del deep web, solitamente irraggiungibile attraverso una normale connessione internet senza l'uso di software particolari perché giacente su reti sovrapposte ad Internet (darknet, la più famosa è TOR - The Onion Router con il relativo browser TOR Browser).
Progetto MASSERE - Deep Web vs Dark Web

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Durante gli incontri con genitori e ragazzi, spesso parliamo di nativo digitale, immigrato digitale e tardivo digitale, oggi vogliamo dare alcune delucidazione su una parte dei nativi digitali identificati come GENERAZIONE Z.
Tale generazione comprende tutti i ragazzi nati tra il 1995 e il 2010, viene anche chiamata post-millennials.
Come si nota dagli esiti dei nostri sondaggi nelle scuole, un aspetto importante è il diffuso utilizzo di Internet sin dalla giovane età.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Analizzando gli esiti dei SONDAGGI svolti da GENITORI e DOCENTI negli ultimi mesi colpisce la preoccupazione di una buon parte per una nuova App "THISCRUSH", vediamo di capire come funziona e quali pericoli nasconde.
Letteralmente ThisCrush significa “questa cotta”, perché l’obiettivo degli ideatori era quello di dare la possibilità di superare l’imbarazzo adolescenziale di fronte a un colpo di fulmine.

Che età hanno gli utenti: la fascia d'età va dai 12 ai 15 anni

Contenuti: la maggior parte dei contenuti sono di violenza, spesso a sfondo sessuale. il destinatario non può rispondere direttamente, proprio per questo motivo spesso pubblica le discussioni su Instagram per denunciare l'accaduto magari attraverso una storia che si autodistrugge dopo 24 ore.
I messaggi inviati vengono chiamati Crush, in quanto pensati per segnalare il proprio interesse verso una persona.

Anonimato: SI, come già visto per altri Social (Ask.fm, Whisper e Sarahah) anche qui è possibile commentare nascondendo la propria identità.
Recentemente queste App sono state accusate di essere veicoli di violenza in Rete e cyberbullismo.

Progetto MASSERE - Alla scoperta di ThisCrush

Negli ultimi mesi sono comparsi su youtube Tutorial per connettere ThisCrush al proprio profilo Instagram. Qui potete vedere una guida in italiano.