News

RACCOLTA ARTICOLI PRINCIPALI QUOTIDIANI

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Durante in nostri incontri del Progetto MASSERE, parliamo spesso INTERNET collegandolo alla parola VELOCITA', ma cosa succede realmente in 60 secondi sul Web?
Oggi vi presentiamo una bellissima INFOGRAFICA realizzata da Lori Lewis e Chadd Callahan di Cumulus Media che descrive in maniera semplice l'attività di 1 minuto su internet.
Tralasciando l'ecommerce scopriamo che:

  • vengono inviati 16 milioni di messaggi Whatsapp
  • vengono visti 4,1 milioni di video su YouTube
  • postate oltre 46mila foto su Instagram e 1,8 milioni di Snapchat
  • cercate 3,5 milioni di parole su Google
  • scaricate 342 mila applicazioni
  • inviate 156 milioni di email

 

Cosa succede in 60 secondi su Internet?

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Quest'anno abbiamo parlato diverse volte del SELFIE ESTREMO (DAREDEVIL-SELFIE), prima con molti episodi di ragazzi sui binari [leggi articolo], poi con i ragazzi in cima ai palazzi [leggi articolo], ad agosto la 15enne morta dalla scogliera [leggi articolo] e oggi un 20enne a Padova resta folgorato per essere salito su un tetto del treno per un selfie.
Era andato in stazione con un amico per realizzare una serie di "foto pericolose". E' successo a Villatora di Saonara, in provincia di Padova. Il ragazzo, colpito da una scarica di duemila volt, ora si trova in ospedale in prognosi riservata.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

INDIA - Il tentativo di uno scatto con il mammifero si è rivelato fatale per un 50enne di Rourkela, l'immediata reazione dell'animale si è rivelata fatale.
Secondo le ricostruzioni, dopo un breve inseguimento, l'animale ha travolto ripetutamente il 50enne procurandogli una serie di ferite che si sono rivelate fatali. A nulla è servita la corsa in ospedale: Ashok Bharti è deceduto in ambulanza.

VIDEO PUBBLICATO SU: CORRIERE DELLA SERA TV

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il metodo escogitato da due uomini identificati dalla polizia postale. L’indagine nata dalla denuncia dei genitori. Accertamenti su eventuali altre vittime

Si fingevano bambini per adescare minorenni via WhatsApp, per poi chiedere alle vittime foto intime. Lo stratagemma è stato inventato da due uomini che la polizia postale di Biella ha identificato e segnalato alla magistratura. L’indagine nasce dalla denuncia dei familiari di due di questi minorenni.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La prima volta che abbiamo parlato di SEXTING nei nostri incontri era il giugno 2012 e come nel caso di CHATROULETTE il fenomeno è in aumento e i frequentatori sono principalmente ragazzi da 12-13 anni.

Oggi siamo a presentarvi OMEGLE.COM, un nuovo social diffuso tra i ragazzi, consiste "semplicemente nel chattare/videochattare con uno sconosciuto, non viene richiesta nessuna registrazione, né e-mail o numeri di telefono, il tutto in maniera anonima e purtroppo sappiamo quanto piaccia questa cosa nei ragazzi.
Nella home troviamo alcune segnalazioni (in basso in piccolo) tra cui: «è vietato molestare sessualmente chiunque» ma anche che chi vi accede «utilizza Omegle a proprio rischio e pericolo». [sotto trovate il testo completo]

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Da qualche giorno è disponibile online il MODULO per denunciare i casi di cyberbullismo e godere delle tutele offerta ai minori dalla legge 71/2017 sul sito del Garante per la protezione dei dati personali.

Il modulo [Modello per la segnalazione reclamo in materia di cyberbullismo] può essere scaricato QUI e dovrà poi essere reinviato via email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. allegando eventuali file multimediali.
Tale modulo potrà essere compilato dai minori che hanno compiuto 14 anni o dai i genitori di chi non ha ancora raggiunto tale età, specificando una tra le violenze subite (aggressione, ricatto, ingiuria, diffamazione, furto di identità o trattamento illecito dei dati) segnalando il sito, social, su cui i dati incriminati sono stati diffusi.

 

Fonte: Wired